• 1
  • 2
  • 3

Ilaria Ribezzi - mezzosoprano

Inizia da giovanissima gli studi pianistici e a seguire lo studio del canto con il mezzosoprano B.M.Casoni. Continua la sua attività formativa e di perfezionamento presso l'Accademia del coroTeatro alla Scala di Milano, l'Accademia d'arte lirica di Osimo e nel 2015 l'Accademia Chigiana di Siena. Attualmente si sta perfezionando con il M° Fernando Cordeiro Opa.
Giovanissima vince il Concorso di Esecuzione Musicale ‘R.Poonselle’ e il premio giovane promessa al ‘Concorso Internazionale di Musica Sacra’ di Roma.
In qualità di mezzosoprano solista, ha affrontato elegantemente repertori diversi spaziando dalla musica antica (Vivaldi, Handel, Haydn, Pergolesi, Mozart) a quella romantica e contemporanea (Saint-Saens,Liszt), specie nell’ambito cameristico e sinfonico, comparendo in cartelloni concertistici di rilievo nazionale tra cui: Teatro di Udine e Orchestra Sinfonica di Savona, Orchestra Sinfonica T. Schipa di Lecce, collaborando con maestri quali F.M.Bressan, C.Tenan, M.Panni, A.Crastolla, M.Quarta, F.Bossaglia, G.Prandi. Nel repertorio sacro è la voce solista dello ‘Stabat Mater’ di Pergolesie della ‘Theresienmesse’ di F. J. Haydn nella stagione concertistica Arteviva presso la Basilica di S.Maria delle Grazie a Milano dirette da M. Baxiu, dello ‘Stabat Mater’ di Vivaldi e della ‘Paukenmesse’ di Haydn (F.M.Bressan), del ‘Gloria’ RV589 e del ‘Magnificat’ RV611 di A. Vivaldi (AndreaCrastolla). Ha cantato inoltre nella ‘Nona sinfonia’ di L.van Beethoven con l’Orchestra Sinfonica T.Schipa di Lecce (M.Quarta). Nel settembre 2017 è protagonista del dramma inedito ‘HAYE – Le parole, la notte’ di M. Montalbetti, diretto dal M °F. Bossaglia presso il teatro Ariosto di Reggio Emilia. Recentemente si è esibita nella ‘Petite Messe Solennelle’ di Rossini nella sala concertistica del Museo Ceco della Musica di Praga. Fra i suoi impegni recenti e futuri: Zulma ne L'italiana in Algeri al Teatro comunale di Sassari (D. La Stella, R.Vizioli) e Amenofi in Mosè in Egitto al Teatro Verdi di Pisa e al Teatro Coccia di Novara (D.Pasqualetti,R.Mucci).