• 1
  • 2
  • 3

Barbara Massaro - soprano

Classe 1994, si diploma in Viola con Pietro Mianiti e in Canto sotto la guida di Silvana Manga con il massimo dei voti, lode e menzione presso il Conservatorio "G. Verdi" di Milano.
Inizia la sua formazione nel coro di voci bianche del Teatro alla Scala dove è diretta in qualità di solista dai Maestri Sir A. Davis, Z. Mehta, N. Luisotti e R. Böer. È la Prima Fata nel Midsummer Night's Dream di Mendelssohn con l'Orchestra Filarmonica della Scala per il progetto "Sound Music" diretto da F. Micheli.
È vincitrice del Concorso Assami, edizione 2016 e ha rappresentato il Conservatorio di Milano nell'ambito dell'XI edizione del Premio Nazionale delle Arti e nella seconda edizione di "Amadeus Factory", vincendo il premio della categoria Canto e aggiudicandosi il premio speciale ViviMilano. È vincitrice del 2° premio IX ed. Concorso "Magda Olivero", 3° premio e premio del pubblico al III Concorso Lirico "A. Bazzini"; 2° premio al IX Concorso Lirico "Salvatore Licitra" e 1° premio al II Concorso Lirico Piemonte Opera Voci dal Mondo. Premio speciale "Vicenza in Lirica" al 19° Concorso Lirico Internazionale Ottavio Ziino.
Selezionata per il 42° Festival della Valle d'Itria debutta come Driade nell'opera di A. Steffani, Baccanali e Geraldine nell'opera contemporanea di Barber A Hand of bridge.
E' vincitrice del 67° Concorso AsLico per il ruolo di Despina (Così fan tutte - Teatri del Circuito Lombardo); è poi la Principessa (La bella dormente - Teatro Lirico di Cagliari), Adina (L'elisir d'amore – al Teatro Coccia di Novara), Aurelia (Le donne vendicate – 43° Festival della Valle d'Itria) Nannetta (Falstaff - Liverpool Philharmonic Hall), Frasquita (Carmen - Arena di Verona), Berenice (L'occasione fa il ladro - Tiroler Festspiele Erl), Zerlina e Lauretta (Don Giovanni e Gianni Schicchi - Teatro Filarmonico di Verona), Jemmy (Guglielmo Tell – Teatri del Circuito Lombardo e Teatro Verdi di Pisa), Tebaldo (Don Carlo – Teatro la Fenice), La Naiade (Ariadne auf Naxos – 46° Festival della Valle d'Itria), Tirsi (L'Angelica – 47° Festival della Valle d'Itria), Aglaja (Le grazie vendicate – Festival Vicenza in Lirica).
Attiva nel repertorio sacro ha eseguito lo Stabat Mater di Bach con l'orchestra de I Pomeriggi Musicali, lo Stabat Mater di Pergolesi con I Cameristi della Scala, La carità da I tre cori religiosi di Rossini presso la Basilica di San Francesco d'Assisi con l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, il Requiem di Mozart, l'Exultate Jubilate e debutta come soprano solista nella Petite Messe Solennelle di Rossini.
Ha collaborato con Divertimento Ensemble eseguendo le Ariettes oubliéès di Debussy per la Società del Quartetto di Milano e il Festival Slowind di Lubiana.
Incisioni discografiche: Driade in Baccanali per Dynamic (2016); Tebaldo nel cd "Anita" per Sony Classical (2018); Messa per la solennità festiva e Innocente Verginella di L. Capotorti per Digressione Music (2020).
Ha collaborato con i direttori D. Renzetti, G. Capuano, C. Tenan, S. Mercurio, F. Ciampa, A. Cadario, M. Beltrami, V. Petrenko, G. Sagripanti, G. Prandi, C. Goldstein, J. Brusa, R. Balsadonna, S. Quatrini, C. Myung-Whun, F. Luisi, F. M. Sardelli e i registi L. Muscato, G. Aliverta, H. de Ana, E. Stinchelli, F. Micheli, G. Falaschi, V. Borrelli, A. Bernard, R. Carsen.